Micheli

Ultimo aggiornamento

Ultimo aggiornamento Lunedì, 16 Settembre, 2019 - 10:28

Tipologia: Statale
Plesso: Micheli G. / Comprensivo Micheli - Bolognesi
Dirigente: Dr.ssa Cecilia Semplici
Circoscrizione: 2
Indirizzo: Piazza XI Maggio, 25
Telefono: 0586-880172
Fax: 0586-894348
Sito:  http://www.icmicheli-bolognesi.gov.it/
E-mail liic81400q@istruzione.it:

La scuola primaria statale Giuseppe Micheli, dal corrente anno 2016/2017 entra a far parte del comprensivo Michele - Bolognesi, ospita nello stesso edificio il plesso di scuola d'infanzia Lamarmora.
Qualche notizia storica:
La scuola Micheli, intitolata all’ingegnere militare navale Giuseppe Micheli,  situata nel cuore del rione Venezia – San Marco che conobbe, sulla fine dell’800 la sua massima espansione abitativa e produttiva, è la più antica della città. La prima pietra dell’edificio fu posta nel 1882; la direzione dei lavori fu affidata all’ing. Badaloni, mentre gli infissi in ferro battuto ai Fratelli Gambari di Pisa. L’inaugurazione della scuola avvenne il 20 agosto 1889 alle ore 10 alla presenza del sindaco Costella, del Prefetto, del Provveditore degli studi e delle massime autorità civili, militari, religiose e di tutto il rione festante. Il 2 ottobre 1889 iniziò il  primo giorno di lezione. La scuola, di dimensione imponente, in stile neo-classico, era formata inizialmente solo dal piano terra (sezione femminile ) e dal primo piano  (sezione maschile); in seguito, agli inizi del 1920, fu aggiunto il secondo piano per contenere l’affluenza dei bambini della zona. Originariamente l’edificio contava 21 aule capaci di accogliere fino a sessanta bambini. Per la  costruzione occorsero sette anni a causa delle notevoli difficoltà tecniche incontrate quali gli straripamenti delle acque del Rio Riseccoli, che, scorrendo lungo l’asse Via Galilei - Via Palestro, minavano le fondamenta della scuola, tanto che fu deciso l’interramento dello stesso torrente. Durante la Prima Guerra Mondiale una parte fu adibita ad Ospedale Militare. La scuola è attualmente sotto il controllo delle Belle Arti di Firenze.

Share button

Torna in cima alla pagina