Anziani Fragili

Ultimo aggiornamento

Ultimo aggiornamento Mercoledì, 14 Novembre, 2018 - 11:43

CHE COS'E'
Il progetto è finalizzato a prevenire e ritardare i processi di perdita dell'autonomia e dell'agio delle persone anziane  connesso con le problematiche sanitarie e sociali dell'invecchiamento con l’obiettivo strategico di  allontanare  il ricorso all’istituzionalizzazione;

CHE COSA OFFRE
➢    l'attivazione di interventi di sorveglianza;
➢    l'attivazione di interventi di prevenzione;
➢    il potenziamento e la riorganizzazione degli interventi di sostegno e di prossimità;
➢    la promozione di attività diurne mediante la valorizzazione delle reti locali del volontariato;

A CHI SI RIVOLGE
Ad  anziani ultrasettantacinquenni, in condizioni di ridotta autonomia, che vivono soli o con una persona di oltre 75 anni o anche di età inferiore ma non autosufficiente, che non hanno figli o che hanno figli ma non abitano nel  Comune di residenza dell’anziano.

CHE COS'E' LA  SORVEGLIANZA ATTIVA
a) numero  informativo, attività di telesorveglianza, telefono amico e telesoccorso per gli anziani inseriti nel programma;
b) interventi di ascolto e di supporto dell’anziano, anche a domicilio, dell’assistente sociale della fragilità, con l’obiettivo di individuare ed attivare  servizi individuali personalizzati e condivisi;
c) attività del Consultorio Anziani Fragili per la predisposizione dei progetti personalizzati di sorveglianza attiva, con l'individuazione dei percorsi e delle  attività di prevenzione e sostegno.

QUALI SONO GLI INTERVENTI DI PREVENZIONE
d)  campagna pubblicitaria cittadina tramite invio al domicilio dell’anziano dell’opuscolo informativo,  affissione di manifesti, totem, informazioni nel sito della rete civica del Comune;
e)  campagna informativa sulle buone pratiche tramite l’organizzazione di Conferenze a tema e interventi informativi continui di specialisti del settore sanitario e della  sicurezza.
f) definizione con le organizzazioni di volontariato e con i soggetti che offrono servizi  appropriati di percorsi e attività volte a prevenire e ritardare le problematiche dell'invecchiamento (attività ricreative, informative, motorie ecc.);

QUALI SONO GLI INTERVENTI DI SOSTEGNO E PROSSIMITA'
g) interventi domiciliari di ascolto e di compagnia nel sistema della sorveglianza attiva degli anziani fragili mediante l’attivazione di personale in Borsa lavoro appositamente formato e di servizi di volontariato con il concorso delle organizzazioni del terzo settore;
h)  consegna a domicilio della spesa e dei medicinali;
i)   pasti caldi a domicilio;
l)   trasporti individualizzati.
m) accompagnamento ad uffici, strutture sanitarie e visite mediche.

COME SI ACCEDE
Il percorso è avviato in seguito alla segnalazione; le forme previste sono: 
➢    segnalazione da parte del medico di medicina generale o dei presidi sanitari specialistici;
➢    segnalazione da parte del servizio sociale professionale;
➢    autosegnalazione;
➢    segnalazione da parte dei familiari o della rete di prossimità dell'anziano.

L'anziano segnalato viene invitato a recarsi presso il Consultorio anziani fragili dove in forma integrata gli operatori sociali e sanitari provvedono alla valutazione e alla  definizione del percorso d'assistenza individualizzato (Pai) di sorveglianza, prevenzione e sostegno, individuando un responsabile per  ogni percorso nonché  modalità e tempi di verifica.

I Pai vengono trasmessi all'Assistente sociale degli anziani fragili che inserisce il nominativo e le schede individuali nella banca dati e attiva gli interventi di prossimità o/e di socializzazione.
Gli anziani fragili inseriti nei progetti  ricreativi e di socializzazione sono invitati a partecipare alle iniziative che l’ufficio area handicap e ridotta autonomia  organizza annualmente.

Servizio a cura di:
SETTORE Politiche Sociali e Abitative – Comune di Livorno, capofila per la zona livornese
Il progetto prevede l'intervento integrato dei comuni della Zona socio-sanitaria, dell'azienda USL 6, dei medici di medicina generale e delle organizzazioni del terzo settore.

Responsabile del servizio
Mauro Matteini – Uff. Servizi di sostegno per la ridotta autonomia e la non autosufficienza.

Per informazioni:
Numero: 0586/888888

Consultorio Anziani Fragili:

Distretto Nord - Via della Fiera di S.Antonino - 2° piano - Tel. 0586/223527 - Dal lunedì al venerdì - 9.00 - 12.00

 

 

Coordina il servizio:

Letizia Giacomelli Tel. 0586 824174 
e-mail: lgiacomelli@comune.livorno.it

 

Share button

Torna in cima alla pagina