Giardino del Ricordo e Campo inumazione Ceneri

Ultimo aggiornamento

Ultimo aggiornamento Giovedì, 13 Febbraio, 2020 - 17:14

Cimitero comunale dei Lupi – località La Cigna 

Il “Giardino del Ricordo” ed il “Campo inumazione Ceneri”

Due nuove strutture inaugurate nel 2011 che contribuiscono alla diffusione della pratica della cremazione.

Sia il Giardino del Ricordo che il Campo per l’inumazione delle ceneri possono non solo contribuire alla diffusione della pratica della dispersione delle ceneri e, indirettamente, a quella della cremazione, ma, a differenza delle modalità fino ad oggi praticate della dispersione (in ambienti naturali, mari, fiumi, laghi) possono anche contribuire a conservare la funzione fondamentale dei cimiteri di luoghi di memoria individuale e collettiva.

Il Giardino del ricordo

Questo impianto non solo è un luogo dove si disperdono le ceneri, ma potrà diventare anche – come suggerisce il titolo - uno spazio accogliente per il ricordo, la meditazione e l’intimità .

Non sono molti i cimiteri in Italia che hanno realizzato un impianto del genere; al Cimitero dei Lupi l’area è stata ricavata da una esistente area verde nella collocata nella zona nord, racchiusa dal confine con l’Aurelia, dalla linea ferroviaria e dal blocco 17.

Si tratta di un grande spazio caratterizzato dalla presenza di numerosissimi lecci e corbezzoli, specie peraltro tipiche della nostra macchia mediterranea. La superficie del Giardino è di circa 4.400 metri quadri, quindi ben più grande anche del Giardino del ricordo realizzato a Milano (Lambrate) che è di 450 metri quadri.

All’interno del Giardino sono state individuate quattro piccole porzioni di terreno dove disperdere materialmente le ceneri, delimitate da cordoli a forma di cerchio e ricoperte da grossi ciottoli decorativi.

Nel giardino sono state collocate anche sei statue: una per ciascuno dei due ingressi e le altre quattro collocate in prossimità dei quattro cerchi, con lo scopo di aiutare a ricordare nel tempo in quale dei quattro cerchi sono state disperse le ceneri dei propri cari.

Vi sono poi state piantumate 470 piante di alloro per formare una siepe che delimitasse il giardino verso la zona nord del cimitero e 6 cipressi argentati e piante di lagestroemia, rosmarino strisciante (200 piante), nandina domestica, cotoneaster, viburno tinus, abelia e spirea nana.

Sono stati realizzati 180 metri lineari di percorsi pavimentati in porfido e collocate inoltre 6 panchine e 7 lampioni decorativi.

La spesa complessiva che l’Amministrazione ha sostenuto per la realizzazione dell’impianto è di €. 35.000. La Società per la Cremazione ha contribuito per € 11.000.

Campo per l’inumazione delle Ceneri

Fino ad oggi le ceneri, all’interno del cimitero, potevano solo essere tumulate in appositi ossarietti o collocate nel cinerario comune , d’ora in poi si potranno invece seppellire in un campo apposito. E’ stata realizzata infatti in via sperimentale una piccola area verde posta all’angolo tra il loggiato sud del cimitero e il colonnato centrale.

Se l’idea dell’inumazione delle ceneri dovesse incontrare il favore dell’utenza ulteriori superfici potranno essere destinate a questa nuova pratica funeraria.

Nonostante la denominazione possa far intendere qualcosa di diverso, l’inumazione delle ceneri in questo campo è finalizzata ad una forma di lenta dispersione e quindi sempre di dispersione si tratta.

Le piccole fosse hanno dimensione di 0,30 x 0,30 cm. e saranno contraddistinte da identici piccoli cippi, forniti dall’Amministrazione, sui quali saranno fissate identiche targhe in materiale lapideo per l’iscrizione dell’epigrafe. La durata dell’inumazione delle ceneri è fissata in sei anni.

Share button

Torna in cima alla pagina