bordo news
rio maggiore

Venerd́ 15 alle ore 12 nuovo incontro al centro operativo della Protezione Civile

Ripristinato il Ponte crollato a Limoncino e ispezionato il Rio Maggiore

Nei prossimi giorni sarà avviato un primo censimento dei danni ai privati e alle imprese

Livorno, 14 settembre 2017– Sono partiti fin dalle prime ore di stamani, 14 settembre, i sopralluoghi di tecnici comunali, Vigili del Fuoco, Genio Civile, Consorzio di Bonifica e operatori ASA lungo il Rio Maggiore.

Il coordinamento di forze si è costituito ieri su indicazione del prefetto di Livorno che presiede l'unità di crisi, tornata a riunirsi anche oggi al centro operativo della Protezione Civile di via Maria Terreni.

Dall'incontro è emerso che la squadra di sommozzatori specializzati dei Vigili del Fuoco impegnati nelle operazioni di ispezione dei condotti tombati del Rio Maggiore (che ricordiamo da via Cattaneo arriva fino all'Accademia Navale), non hanno rilevato alcun tipo di ostruzione all'interno del condotto, dovuto all'eventuale accumulo di detriti del nubigrafio di sabato notte. Materiale che, in vista di possibili rovesci, avrebbe anche potuto causare nuovi danni.

I 12 chilometri del Rio sono stati dunque puntualmente verificati e non destano preoccupazione. Le operazioni sono state condotte con la collaborazione dell'Accademia Navale di Livorno.

L'attività di ispezione sarà successivamente ripetuta anche per il Rio Felciao e gli altrii rii del territorio.

Notizie positive anche sul fronte della viabilità, per quanto riguarda i ponti. Sarà infatti riaperta nella serata la via della Valle Benedetta grazie all' intervento di ripristino del ponte che si è svolto oggi. E' in corso di sistemazione infatti un ponte bailey; si tratta di una struttura provvisoria, costituita da elementi in travatura reticolare prefabbricati, che consente di essere montato velocemente.

La riapertura del ponte permetterà la ripresa della circolazione da e verso Limoncino.

Per quanto riguarda i residenti del residence di Chioma, le cui abitazioni sono rimaste isolate per il crollo del ponte, sarà predisposto a breve un pontile galleggiante in modo da consentire l'attraversamento pedonale in sicurezza e il collegamento con il condominio. Resta invece ancora interrotto il ponte in via Remota.

Una delle criticità più importati in questo momento, riguarda lo smaltimento dei rifiuti urbani ingombranti, il cui volume è molto elevato.

Già nell'incontro di ieri era emersa la necessità di individuare, insieme con A.T.O. Toscana Costa, un sito alternativo per il loro stoccaggio e lo smaltimento così da liberare le aree predisposte dal Comune, e metterle nelle condizioni di poter accogliere nuovo materiale.

Due gli impianti individuati, uno a Rosignano e uno in provincia di Lucca, che consentiranno di smaltire fino a 100 tonnellate di rifiuti al giorno, liberando così l'area del parcheggio tra via Allende e via Cattaneo (area esterna davanti al centro di raccolta AAmps) predisposte a questo scopo.

I comuni sono chiamati ora ad attivarsi per il censimento dei danni ai privati e alle imprese. Entro 30 giorni dal provvedimento dello Stato di emergenza che potrebbe essere emanato dal Consiglio dei Ministri già domani sera, i comuni dovranno presentare un piano degli interventi realizzato attraverso un'apposita raccolta di dati. E' utile specificare, fin da questo momento, che non si tratta di domande di contributo vere e proprie, ma di schede ricognitive preliminari, utili a capire a livello governativo il volume dei danni subiti dal territorio. In base a questi dati sarà poi valutato il percorso di reintegro.

La prossima settimana è in programma una riunione tra il Dipartimento della Protezione Civile e rappresentanti dei comuni proprio ai fini di predisporre la relativa modulistica.

Presso il Comune di Livorno sarà attivato nei prossimi giorni uno sportello dedicato di ascolto.

Il prossimo incontro dell'unità di crisi è in programma per domani alle ore 12 in via Maria Terreni.

 

 

 

 

 

separatore Pagina