Venerd́ 10 novembre, dalle ore 10 - Mostra "Pierino Fornaciari 1918-2009. Dal neorealismo all’arte programmata"

In corso da venerdì 20 ottobre, nella Villa del Presidente in via Marradi 116, la mostra "Pierino Fornaciari 1918-2009. Dal neorealismo all’arte programmata". 

Promossa e organizzata da Fondazione Livorno – Arte e Cultura, l’ente strumentale costituito da Fondazione Livorno per la promozione di iniziative artistiche e culturali e per la valorizzazione della collezione d’arte, in collaborazione con la Provincia di Livorno e “Archivi e Eventi”, Associazione Culturale per la documentazione e la promozione dell’Ottocento e del Novecento Livornese, la mostra “Pierino Fornaciari 1918-2009. Dal neorealismo all’arte programmata”, è curata da Francesca Cagianelli.

Sono oltre settanta le opere selezionate all’interno della cospicua produzione artistica di Fornaciari che, dagli anni Trenta agli anni Novanta, restituiscono per la prima volta un profilo esaustivo della complessa personalità di questo “artista engagé” che negli anni Settanta volle ribattezzarsi “Faber”.
Ad impreziosire il percorso espositivo contribuisce il nucleo della donazione prevista da Archivi e Eventi a Fondazione Livorno, costituita da opere emblematiche nell’ambito della carriera dell’artista, quali l’Autoritratto (1939), incunabolo della primissima produzione, esposto ai Littoriali della Cultura e dell’Arte; Ciabattino (1949-1950), sorta di manifesto sociale presentato al III Premio Suzzara del 1950; Contemplazione (1951-1952), opera di allucinato quoziente allegorico, inviata alla Mostra Nazionale d’Arte di Trieste del 1952; Una storia interessante (1952), vera e propria predella-collage cui Fornaciari affida, in occasione del V Premio Suzzara del 1952, le ragioni del suo impegno promozionale; senza contare composizioni astratte, anch’esse confluite nelle collezioni di Fondazione Livorno, riconducibili alle sperimentazioni cinevisuali degli anni Settanta, quali Strisce: Come il sopra così il sotto (1970-1980); e ancora testimonianze significative della sua dilatata prestazione grafica, tra cui la puntasecca Nuotatori, 1960, l’acquaforte Pulcinella e fantasmi (1961), la litografia Il clown (1970 ca.), la puntasecca Beirutbimbi e mendicarabo (1975 ca.).
Di particolare impatto nel percorso espositivo risulta la sezione dei Giocattoli, realizzata da Fornaciari nella seconda metà degli anni Cinquanta, la cui inoppugnabile temperie surreale, oltre che il rilevante quoziente emozionale, ha motivato Archivi e Eventi nell’allestimento di un originale percorso didattico, candidando tali dipinti per un innovativo progetto di laboratori didattici dedicati agli Istituti primari.
Tale progetto, dal titolo “Il giocattolo nell’arte”, culminerà nell’allestimento di una mostra degli elaborati degli allievi, curata da Archivi e Eventi.

 

Orari di apertura della mostra: giovedi, venerdì e sabato, ore 10.00-13.00 e 15.00-18.00 e su prenotazione al numero 0586.826133

Aperture straordinarie: domenica 5 novembre e domenica 3 dicembre 2017 e domenica 7 gennaio 2018 dalle ore 10 alle ore 13 e dalle ore 15 alle ore 18

Ingresso gratuito

 

Pierino Fornaciari, forse uno dei più emblematici protagonisti dimenticati delle avanguardie livornesi del secondo dopoguerra nel clima dialettico della Casa della Cultura e del Premio Modigliani, esordisce nel 1945, a ventisette anni, tra le fila dei fondatori del “Gruppo Artistico Moderno Livornese”, nell’ambito del quale stringerà un sodalizio privilegiato con Mario Nigro.
Rispetto al fronte nazionale, dove gli anni Quaranta segnano l’alternanza di movimenti cruciali, a partire dall’Art Club, Fornaciari sembra posizionarsi nella linea configuratasi in seno alla XXIV Biennale veneziana del 1948, destinata ad avvalorare in Italia l’exploit del realismo siglato dal Fronte Nuovo delle Arti, e, contestualmente al ridimensionamento della compagine astrattista, la celebrazione di Picasso.
In tale complesso panorama Fornaciari si orienterà progressivamente verso una formula che oscilla tra l’enfasi linguistica applicata al repertorio umanitario e un più pronunciato intento formalistico, secondo l’indirizzo avvalorato dal “Premio Suzzara. Lavoro e lavoratori nell’arte”.
Di lì a poco, nel 1951, l’artista risulta promotore di quella sezione livornese del Sindacato Nazionale Pittori e Scultori che negli anni Cinquanta si adoperò in una pionieristica militanza culturale, grazie anche al contributo della Casa della Cultura, dove in quello stesso anno destinerà il trasferimento della IV edizione del Premio suzzarese.
Con ogni probabilità anche sull’onda della familiarità con Luigi Servolini, Fornaciari, trasferitosi a Carrara nel 1958, si iscrive al corso di incisione presso l’Accademia di Belle Arti, specializzandosi nella tecnica acquafortistica e diventando socio degli IDIT a partire dal 1959.
D’ora in avanti, in coincidenza con il rallentamento dell’attività pittorica, l’artista si cimenterà in una pluralità di sperimentazioni grafiche, dalla puntasecca alla vernice molle, dall’acquaforte alla xilografia, dalla maniera all’acquarello all’acquatinta, trasponendovi le tematiche da sempre affrontate anche in sede pittorica, senza tralasciare quella predilezione umanitaria per la cultura delle popolazioni del Medio-Oriente all’origine dell’emozionante ciclo di Beirut (1975).
Investito alla fine degli anni Cinquanta da una temperie di travagli e mutamenti, Fornaciari condividerà con Nigro, forse il compagno più intimo, quest’ultimo, di un percorso espressivo che dall’imprimatur figurativo doveva condurre entrambi, seppure con diverse modalità e tempistiche, alla rivoluzione astrattista, la consapevolezza dell’impossibilità a persistere nella pittura figurativa.
Dopo una sporadica ricomparsa nel 1961 alla Galleria Giraldi, il nome di Fornaciari sembra dunque travolto da quell’ondata di rimozione che in Italia, e non solo a Livorno, ha finito col provocare la marginalizzazione di alcune coscienze artistiche votate alla partecipazione al rinnovamento linguistico nel solco delle avanguardie del secondo dopoguerra.
Se non è difficile ipotizzare che quest’ultimo, fin dagli anni Quaranta, abbia condiviso con l’amico Nigro le novità del Movimento Arte Concreta, l’artista si convertirà nuovamente alla composizione pittorica solo negli anni Settanta.
Sulla scia della dilagante attenzione alle componenti percettive della visione artistica contemplate nella poetica di “Azimuth”, Fornaciari maturerà nella prima metà degli anni Settanta una disposizione creativa articolata sui punti cardine del dibattito maturato nel corso degli anni Sessanta intorno alle problematiche cinevisuali.
All’epoca della rassegna di pittura moderna promossa dalla Galleria Giraldi nel dicembre 1978, ecco che l’artista, autoelettosi “Faber”, ufficializzerà la sua svolta, sottolineando il passaggio da una personalizzazione esasperata a un lavoro più oggettivo e più sofferto.

 

 

Ultimo aggiornamento: 13/11/2017