Scoprire Livorno (e dintorni)

Livorno delle diversità, idee in gara per l'arredo urbano

L'associazione "Livorno delle diversità" ha promosso un progetto di arredo urbano.

[tutti gli articoli]

Interventi

Emergenza umanitaria ad Efrin, l'appello di Mezzaluna Rossa

Il cantone di Efrin è sotto attacco da parte dell’esercito turco dal 20 Gennaio.Efrin, a maggioranza curda, è una delle regioni ...

[altri interventi]

Il vostro contributo

“La statua di Snoopy”

Racconto di Arianna Lucisano*

Quella mattina il parco era in gran fermento. Lo scoiattolo Blue che da anni ...

[Invia contributo] - [leggi tutti]

Comune Editore

Il Comune di Livorno pubblica vari volumi ordinati in:

Libri & Libri

“L’Universo minore” Confino, internamento, concentramento, deportazione degli Ebrei. Le responsabilità italiane ed il caso di Pistoia è un libro di Pardo Fornaciari, Edizioni Erasmo.

 

[Archivio]

CN Comune Notizie

CN - Comune Notizie N° 88 - 2014

Si apre con un articolo di Gilda Vigoni dedicato alla Casa natale di


» Comune Notizie Catalogo

 

[Archivio]

 
- Novita editoriali

Novità editoriali:

Livorno clandestina- Un ventennio di opposizione antifascista (1923-1943)

Nel suo nuovo libro Livorno clandestina - Un ventennio di opposizione antifascista (1923-1943),edito da BFS Edizioni, il libero ricercatore Marco Rossi, conoscitore della storia dei conflitti politici in Italia nella prima metà del Novecento e che da oltre un trentennio studia le vicende del sovversivismo livornese, descrive come uomini e donne livornesi si opposero con forza e decisione al fascismo.

Il libro racconta lo scontro, avvenuto durante il cosiddetto Ventennio,  tra sostenitori e contrari al regime di Mussolini e come questa opposizione non fu solo uno scambio di opinioni ma si evolse in uno scontro civile tra abitanti della stessa città schierati su fronti nemici e con due concezioni diverse di libertà. "Fu così che, alle spettacolari adunate di massa e alla capillare repressione poliziesca, si contrapposero le scelte di non sottomissione di centinaia di uomini e donne non disposte a conformarsi alla "cultura" dominante. Infatti, di fronte a un regime imposto e fondato sull'uso della violenza legale, per quanti non accettavano di vivere in una condizione di servitù morale e fisica l'unica opzione - etica ancora prima che politica - era violare le leggi dello Stato". L'opposizione prendeva vita "nel silenzio delle galere"- spiega Marco Rossi- o al confino lontano dalla città. Ciò che è accaduto tra il 1923 e il '43 accadde molto prima della resistenza partigiana. 

La narrazione è inoltre accompagnata da foto e documenti, prove di quanto accaduto, reperiti dall'autore grazie alla collaborazione della Biblioteca-Archivio "F. Serantini" di Pisa e alla disponibilità del Personale dell'Archivio di Stato di Livorno e dell'Emeroteca e della Biblioteca Labronica.