Scoprire Livorno (e dintorni)

La Darsena nuova

La Darsena Nuova, o Darsena del Cantiere, racchiude lo specchio d’acqua di fronte agli Scali Novi Lena, nello storico quartiere di ...

[tutti gli articoli]

Interventi

Verso la nuova porta sud della città

Riqualificare le aree vicino al ristorante Metamare non è più un sogno. Dopo la creazione della Porta San Marco (a Nord), della Porta a Terra ...

[altri interventi]

Il vostro contributo

Propulsione

Racconto di Manrico Scarpelli

Il racconto che segue si è aggiudicato il primo premio del contest letterario ...

[Invia contributo] - [leggi tutti]

Comune Editore

Il Comune di Livorno pubblica vari volumi ordinati in:

Libri & Libri

Nel suo nuovo libro Livorno clandestina - Un ventennio di opposizione antifascista (1923-1943),edito da BFS Edizioni, il libero ricercatore Marco Rossi, conoscitore della storia dei conflitti politici in Italia ...

 

[Archivio]

CN Comune Notizie

CN - Comune Notizie N° 88 - 2014

Si apre con un articolo di Gilda Vigoni dedicato alla Casa natale di


» Comune Notizie Catalogo

 

[Archivio]

 
19 luglio 2017 - Video News

Palio Marinaro 2017



Il Borgo stupisce tutti e torna a vincere il Palio Marinaro dopo 12 anni di attesa! Finita la gara, vogatori, dirigenti e tifosi si sono lasciati andare a una grande festa che è durata fino a tarda notte.

Scene di giubilo, caroselli, bandiere, il classico giro lungo i fossi e l’arrivo in Darsena Nuova accolti da una fumogenata in grande stile. Così si è chiusa una giornata che è stata a rischio fino all’ultimo per colpa delle condizioni del mare.

Le prime a scendere in acqua sono state le ragazze. Nel primo tratto i tre armi sono quasi sempre stati accanto, ma dopo il giro di boa, l’Ovosodo ha staccato Borgo e Salviano e ha tagliato per primo il traguardo. Tra gli Under 18, invece, si è imposto il Venezia che ha battuto la concorrenza degli avversari solamente agli ultimi metri.  Infine c'è stata la  gara dei gozzi a 10 remi.

Ecco tutti i tempi:

  • Femminile:1) Ovosodo 6’25″78; 2) Salviano 6’43″97; 3) Borgo 7’03″25
  • MiniPalio: 1) Venezia 6’04″85; 2) Ovosodo 6’05″85; 3) Salviano 6’28″95; 4) Pontino 6’31″43; 5) San Jacopo 7’00″42
  • Gozzi a 10: 1) Borgo 10’16″93; 2) Venezia 10’26″01; 3) Ovosodo 10’41″65; 4) Pontino 10’46″39; 5) Labrone 11’04″05; 6) Ardenza 11’05″45; 7) San Jacopo 11’24″17; 8) Salviano ritirato.

 

Il Palio è la più classica delle gare livornesi: si tratta del trofeo che conclude la stagione remiera, una spettacolare festa in mare che esprime meglio di ogni altra manifestazione l’anima più vera di Livorno, tra storia, tradizione e spirito identitario.

Si svolge ogni anno durante la prima domenica di luglio, nel tratto di mare al largo della Terrazza Mascagni, spettacolare platea che garantisce una visuale d’eccezione su tutta la competizione, e viene fatto precedere dalle gare a quattro remi che coinvolgono gli under 18 e gli equipaggi femminili.

Si tratta di una sfida all’ultima remata in cui si fondono sudore e salmastro, voglia di vincere e sana competizione, entusiasmo e tanta fatica.

Al Palio partecipano otto rioni che gareggiano sui gozzi, imbarcazioni a dieci remi formate da un equipaggio di dieci robusti vogatori più un timoniere che si distingue dal resto della ciurma per la posizione a poppa, il fisico più esile e il ruolo di “direttore d’orchestra”, con il compito di coordinare, manovrare, guidare, dare il ritmo e incitare a più non posso la sua squadra.

La gara dura all’incirca dieci minuti ma lo sparo che dà il via alla sfida è preceduto da mesi e mesi di duro lavoro, soprattutto per gli atleti che, nell’anno precedente, fanno esercizio nelle Cantine – i luoghi di ritrovo delle Sezioni Nautiche –  e vogano direttamente in mare o lungo i Fossi, i caratteristici canali d’acqua che percorrono alcuni quartieri livornesi. L’arte di remare, del resto, ha bisogno di esperienza e costanza per raggiungere i suoi livelli più alti: non si tratta di una questione di pura e semplice resistenza. Bisogna avere confidenza con le correnti, saperle sfruttare e assoggettare alle proprie esigenze, imparare a diventare un tutt’uno con il resto dell’equipaggio. E poi sentire l’altro, calibrare le forze, calcolare la giusta inclinazione della pala in mare, creare un ritmo ciclico e univoco, dando vita a quello spettacolare movimento a onda umana, simile a una danza, che tanto emoziona il pubblico.

Per raggiungere questi livelli i ragazzi dei rioni lavorano tutti i giorni, specie da febbraio in poi, quando la gara è alle porte e il Comune consegna finalmente i gozzi con cui gli equipaggi parteciperanno al Palio. Poco importa che si tratti di una torrida e afosa serata estiva o di una rigida giornata invernale, con libeccio e salmastro che rendono la vita in mare difficile: a muovere gli atleti sono la passione, l’amicizia, la voglia di fare sport, l’agonismo, il piacere di stare all’aria aperta, l’amore per il territorio, per Livorno, per la sua tradizione.

Tanto sforzo è ripagato dalla soddisfazione e dal calore dei rioni che, già qualche giorno prima del Palio, mettono in mostra le bandiere con i colori del quartiere.

Ai vincitori, oltre alle coppe, spetta il giro d’onore lungo i Fossi, per gioire all’ombra del Voltone con il resto della tifoseria, mentre a chi raggiunge per primo il traguardo di tre edizioni vinte (non necessariamente consecutive), tocca di diritto il simbolico drappo dipinto per l’occasione da un artista.
Una festa unica e spettacolare che rende vive ancora oggi le antiche tradizioni marinare della città.

 

(dal sito: www.gareremierelivorno.it)